Come Riconoscere un Ratele

In questa guida vedremo come riconoscere il ratele. I rateli, chiamati anche mellivori sono mustelidi molto affini ai nostri tassi abitanti esclusivamente il continente nero con una sola specie e molte razze contraddistinte tra di loro per la colorazione del mantello.

Strutturalmente è affine al nostro tasso il ratele o mellivora del capo ne differisce essenzialmente per i caratteri della dentatura, oltre che per la livrea. Il capo del ratele peraltro risulta tozzo e robusto quanto quello del tasso, dotato di arti non molto lunghi e forniti di possenti unghioni che servono validamente a scavare.

Piccole sono le orecchie e brevissima la coda. Alto alla spalla una trentina di centimetri, il ratele arriva a misurarne in lunghezza poco meno di un metro, di cui non più di un quinto spetta alla coda. La livrea di questo mustelide vale da sola a caratterizzarlo; infatti tutte quante le parti superiori del capo.

Anche le parti del tronco e della coda risultano grigio chiare, mentre il resto del corpo, ad eccezione della zona di confine che è quasi bianca, appare di un grigio scurissimo, quasi nero. La mellivora del capo vive specialmente nelle boscaglie e nelle zone aride e cespugliose, standosene rintanata nel covo durante il giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *