Come Lucidare l’Argenteria in Casa

Questa guida è dedicata a tutte quelle persone che in casa hanno numerosi elementi di argenteria e che non trovano il prodotto di pulizie più adatto alle proprie esigenze. Si può creare un ottimo composto con ingredienti da cucina che tutti hanno in casa.

Andiamo a creare il composto necessario per lucidare tutti quei oggetti di argenteria che ci troviamo in casa che col passare del tempo si ossidano, assumendo quel colore bronzaceo esteticamente poco gradito. Innanzitutto bisogna procurarsi del ketchup da cucina (la salsa tipicamente usata per condire), una scodella di acqua e uno spazzolino da denti o panno.

In acqua fredda, versare buona parte del ketchup da cucina fino ad ottenere un composto non troppo liquido ma neanche troppo denso, altrimenti rischiamo di rovinare la nostra argenteria. Ottenuto il prodotto, si intinge uno spazzolino da denti o un panno per le pulizie (a propria discrezione) nella scodella.

Prima di lucidare l’argenteria è meglio passare un panno asciutto e pulito sugli oggetti in modo tale da eliminare eventuali residui di polvere o bruscoli che potrebbero rigare la nostra argenteria. Poi passiamo il nostro spazzolino, intinto nel composto, come spiegato in questa guida, sulle parti interessate dell’argenteria. Alla fine di tutto, sciacquate tutti gli oggetti per eliminare i residui di composto e vedrete che risultati.

Come Ricaricare il Telefono Tramite il Sito Bancoposte

Per chi dispone di un conto corrente e/o di carte prepagate gestibili online, può essere molto comodo imparare ad effettuare ricariche telefoniche a tutti i cellulari. Il procedimento che analizzeremo nel dettaglio riguarda il metodo di Poste.it, ma è comunque molto simile anche per gli altri enti.

Per prima cosa collegati sul sito di PosteItaliane ed effettua il login tramite il box situato sulla destra. Una volta effettuato l’accesso con le tue credenziali clicca su Accedi al mondo BancoPosta. Da qui puoi avere accesso a tutte le funzioni del tuo conto corrente o della tua prepagata, comprese le ricariche online.

Dal menù di sinistra clicca sulla voce Ricariche Telefoniche. Successivamente puoi scegliere il tipo di carta da ricaricare. Seleziona quello di tuo interesse per accedere alla selezione del metodo di pagamento. La pagina di selezione viene visualizzata solo se se proprietario sia di un ContoCorrente che di una PostePay, se possiedi solo uno dei due verrà caricata la pagina corrispondente.

Una volta selezionato il metodo di pagamento scelto devi inserire alcuni dati. Se scegli di pagare con PostePay ti verrà chiesto il numero di carta, la scadenza ed il codice di sicurezza. Se, invece, scegli di addebitare la spesa sul tuo conto corrente, ti verrà chiesto di inserire il codice generato dal lettorino blu di BancoPosta. Se non hai il lettorino richiedilo presso un qualunque ufficio postale.

Una volta inseriti i dati richiesti puoi passare all’inserimento del numero di cellulare sul quale effettuare la ricarica. Se effettui spesso ricariche sullo stesso numero ti consiglio di salvarlo in rubrica in modo da averlo a portata di mano. Una volta confermato il numero di telefono puoi scegliere il taglio della ricarica che va da un minimo di 10€ fino ad un massimo di 150€. Conferma il taglio e verifica tutti i dati, dopo clicca su Esegui il Pagamento. Dopo pochi secondi riceverai la ricarica, come potrai verificare dal credito residuo, direttamente sul numero da te indicato.

Come si Restaura un Bastone da Passeggio

C’è chi li colleziona e chi li usa sia per vezzo che per necessità. C’è chi ne ha di belli ma di poco valore e chi invece preziosi e intarsiati. Di cosa parlo? Beh dei bastoni da passeggio. Antico accessorio per l’uomo elegante nell’800, diventati ora ambita preda per i collezionisti, ma ancora usati da signori snob o da chi per l’incedere del tempo avverte la necessità di sostenersi. Anche i bastoni da passeggio sono però vittime del tempo, il quale impietoso annerisce il legno della parte inferiore. Provate con me a rinverdire il bastone sciupato e vedrete come apparirà diverso.

Prima di iniziare, voglio far presente che questo efficace trattamento, per togliere il nero dal legno del nostro bastone, è consigliabile metterlo in atto su bastoni di non eccessivo valore. Per bastoni molto ricercati, antichi, finemente intarsiati non possiamo che affidarci alla cera o all’olio di lino. Tutti gli altri bastoni di legno in cui la parte inferiore risulta annerita vanno invece curati come ora descriverò. In un fornito negozio di hobbystica acquistate uno sverniciatore. Sceglietene uno delicato, poco aggressivo.

Seguendo le istruzioni d’uso sulla latta dello sverniciatore, in quanto ogni prodotto ha specifici tempi e applicazioni, passate il prodotto su tutto il bastone. Badate a cautelarvi con mascherina e guanti perchè gli sverniciatori sono prodotti tossici. Dopo l’applicazione passiamo sul bastone la paglietta da mobiliere, lavorando fino a quando tutto il bastone non sarà ritornato al colore naturale del legno e il nero non è scomparso. Cerchiamo di essere delicati e di non imprimere segni o graffi.

Dopo questa fase, prepariamo una soluzione al 75% di alcool a 94 gradi più il 25% di gommalacca. La gommalacca è una resina che si vende a scaglie e che va diluita nell’alcool rigorosamente a 94 gradi o non si scioglie. Imberremo della nostra soluzione un tampone, che passeremo sul bastone per effettuarne la lucidatura. Vedremo il legno riprendere colore, e continueremo a lavorare aggiungendo alla soluzione alcune gocce di olio paglierino. Dopo questa seconda applicazione il nostro bastone sarà tornato nuovo, il legno non sarà più annerito, ma brillante del suo ritrovato colore originario.